ARMIAMOCI E TRATTIAMO

Pubblicato il 19 ottobre 2021


Ape con varroa sul torace – Lago di Como

Cari apicoltori,

la stagione ormai terminata ci pone davanti al solito inevitabile trattamento invernale.
Come ormai sapete, basilare per la riuscita ottimale di questo intervento è che vi sia il blocco naturale della deposizione della regina.
Grazie alla collaborazione con alcuni di voi siamo riusciti ad avere un quadro chiaro della situazione “covata” nelle nostre province.
Possiamo dire che in linea di massima ovunque la deposizione abbia avuto un drastico rallentamento.
La situazione più diffusa e omogenea è rappresentata comunque dalla presenza esclusiva di poche rose di covata opercolata.
In alcuni casi osserviamo uova e covata opercolata, uova che puntualmente verranno rimosse e non allevate.
Sporadici apiari e limitate famiglie mantengono covata aperta. E’ il caso di famiglie con problemi di varia entità più o meno correlabili ad alti livelli di Varroa e non solo.

Ricordiamo che la Varroa non soltanto compie un’azione sottrattiva- meccanico traumatica, ma anche veicola numerosi patogeni, virus in primis.
E’ proprio l’azione di questi ultimi, subdoli per natura, che l’apicoltore si ritrova inerme e che ci deve far riflettere su come il problema non sia risolutivo nel ragionamento “presenza acaro – uccisione acaro”.
Infestazioni alte porteranno disordini all’interno del superorganismo alveare rilevabili anche dopo l’eliminazione dell’acaro, rendendo la stessa famiglia più vulnerabile nel corso della stagione successiva.

Consigliamo di trattare appena le regine vanno in blocco deposizione, in linea di massima quindi è ragionevole pensare che la prima settimana di novembre sia il momento buono, previa verifica.
Nei casi in cui vi siano piccole rose di covata, si può sforchettare esponendo gli acari che vi si sono rifugiati sotto.
Trattare dunque con Apibioxal gocciolato o sublimato in giornate ancora calde è sicuramente la scelta migliore.
Suggerirei di monitorare la caduta sul fondalino antivarroa dopo 3-4 giorni per avere un valore di stima infestazione vicina al reale totale.
Chi poi volesse un confronto siamo a disposizione in orari di ufficio.

Ringrazio per la collaborazione gli apicoltori “sentinella” Apacl:

Olgiatese
Davide Bon
Marco Bianchi
Fatima Perez
Gabriele Maspero
Valerio Porro

Como Sud/Varese
Giancarlo Costenaro
Martino Moiana
Mauro Campion
Claudio Renoldi

Como Lago
Giancarlo Premoli
Patrizia Gorla
Brenna Alessandro

Brianza
Achille Pontiggia
Davide Colombo
Gaudenzio Casiraghi
Stefano Boffi
Stefano Conti
Marcello Tagliabue
Fabrizio Tognarelli
Filippo Castagna
Moreno Basilico
Giampaolo Cilia

Milano
Pietro Sala

Valle d’Intelvi
Mario Colombo
Mauro Rampoldi
Marco Prioni

Lecco
Picco Alice

Dott. Francesco Legnani – tecnico apistico Apacl

Foto di Francesco Legnani

I commenti sono chiusi.